ATCL Magazine | Nicola Piovani in “La musica è pericolosa”
2623
post-template-default,single,single-post,postid-2623,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.0,vc_responsive

Nicola Piovani in “La musica è pericolosa”

Conversazione con Nicola Piovani.
Sull’Isola di Ventotene dal 16 al 20 settembre 2020 convegni, incontri, spettacoli, concerti. Una cinque giorni per “Ventotene e Santo Stefano: due isole, una storia e un patrimonio europeo-Verso la candidatura per il Marchio del Patrimonio Europeo”. In ambito artistico come sorta di testimonial non può essere migliore di un Premio Oscar, soprattutto se si tratta di Nicola Piovani. Il compositore e pianista si è esibito in “La musica è pericolosa”, con Marina Cesari al sax e Marco Loddo al contrabbasso. L’artista condivide con il pubblico più di quaranta anni di carriera: emozioni, ricordi, aneddoti, tra musica, cinema, teatro. Piovani ha attraversato il grande cinema: Fellini, per il quale ha composto le musiche degli ultimi tre film, Monicelli, i Taviani, Moretti, Bellocchio. Pubblico particolarmente partecipe sulle note di “La vita è bella” e per il gran finale con “Bella ciao”.

Nicola Piovani

– MUSICA